Tag Archives: elio petri

Todo modo: cos’è questo capolavoro “riemerso” del cinema italiano?

Todo modo para buscar la voluntad divina: ogni mezzo è lecito per assecondare il volere divino. I misteri del film che Fabricanda propone come secondo appuntamento della rassegna “Lo schermo dietro al sipario” il 20 novembre iniziano dal titolo, che richiama una citazione frequentemente richiamato dal contrito, spietato e controverso protagonista, un politico interpretato da un immenso Gian Maria Volonté. Ma cos’è esattamente Todo modo, e di cosa parla?

Todo modo è un film politico
Nel gioco del potere tutto è lecito, e il film di Elio Petri del 1976 tratto dal romanzo di Leonardo Sciascia (e un testo dell’autore siciliano, L’onorevole, andrà in scena al Teatro Fabbri il 29 novembre all’interno della stagione di prosa di ERT) ne è una rappresentazione chiara e magistralmente messa in scena. In un inquietante albergo gestito da religiosi, va in scena il ritrovo per gli esercizi spirituali dei massimi esponenti del Partito. L’occasione è utile per rese dei conti interne e per elaborare nuove strategie per mantenere il potere, mentre fuori infuria un’epidemia che miete vittime. Nel ritrarre la corruzione di una classe politica e le sue torbide abitudini, Elio Petri, vincitore pochi anni prima del premio Oscar con Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto,  restituisce un’originale allegoria grottesca del potere diventata un modello (un film come Il Divo di Paolo Sorrentino è profondamente debitore di questa pellicola).

Todo modo è un thriller
Nel bel mezzo degli esercizi spirituali e delle trattative sul potere che si tengono all’albergo Zafer, si sviluppa un’inquietante serie di delitti, efferati e incomprensibili che coinvolgono gli ospiti della struttura. Un giallo in piena regola,  con la tensione che sale con il passare dei minuti e gli enigmi che si accumulano. Cosa sta succedendo nelle stanze e nei corridoi di questo albergo che assomiglia a una prigione dell’Inquisizione?

Todo modo

Todo modo è un film scomodo
Il film, per il contenuto controverso, fu ritirato dalle sale dopo appena un mese di programmazione, e non fu mai più riproposto, neppure in televisione. Dettaglio ancora più inquietante: la copia originale della pellicola fu ritrovata bruciata negli archivi di Cinecittà a Roma. Che le maschere con le quali Petri ritrae in modo piuttosto trasparente i leader dell’epoca (da Moro ad Andreotti a Scelba) e i religiosi inquietanti che si muovono tra le stanze dell’albergo, come il Don Gregorio interpretato da Marcello Mastroianni, si fossero avvicinati troppo alla realtà?

Todo modo è un film profetico
La fine della notorietà del film arrivò nel 1978, quando Aldo Moro fu rapito e ucciso dalle Brigate Rosse. In Todo modo è Volonté a interpretare Il Presidente, un personaggio ricalcato sullo statista democristiano. Il finale di Todo modo sembrò forse troppo profetico e contribuì alla sparizione del capolavoro di Petri dalle sale e dai radar degli appassionati di cinema. Capolavoro che oggi possiamo rivedere nella versione restaurata dalla Cineteca di Bologna e pubblicata quest’anno.

Ci sono abbastanza motivi per non mancare il 20 novembre? Noi vi aspettiamo! Intanto guardatevi il trailer qui sotto: